VicenzaOro 2018, nuove tendenze del mondo orafo e dei preziosi

VicenzaOro SeptemberThe Boutique Show”, in programma dal 22 al 26 settembre, è una Manifestazione internazionale tra le più importanti del settore orafo e dei preziosi, un appuntamento imperdibile per gli operatori, ma anche semplici appassionati, per approfondire le nuove tendenze del mercatoREAD MORE

In quale mano va portata la fede?

Quasi tutte le culture hanno la tradizione di indossare la fede una volta sposati, ma c’è chi la porta a sinistra e chi invece la porta a destra. Da cosa dipende questa differenza?

READ MORE

Come si forma la madre perla e come viene lavorata

La madreperla è un materiale morbido che può essere utilizzato per la creazione di diversi oggetti, dai bottoni alle spille, fino ai gioielli.

Questo elemento appartiene ad una classificazione particolare, non è né un metallo né una pietra. È un biominerale che viene prodotto all’interno delle conchiglie di alcuni molluschi, in genere i bivalvi e i gasteropodi. La madreperla è il loro rivestimento iridescente. Gli elementi che formano questo materiale sono l’aragonite e la calcite, la prima è quella che dona l’aspetto particolare al materiale. Tutte le molecole di aragonite vengono tenute insieme da una serie di proteine espulse dal tessuto epiteliale esterno dei molluschi, chiamate conchiolina, e dall’acqua: questo tipo di composizione dona alla madreperla l’aspetto tipico delle perle. È la proteina Pif80 a controllare la crescita dell’aragonite e il mollusco a cui tipicamente ci si riferisce quando si parla di madreperla è l’ostrica, anche creatrice delle perle. In base allo studio dei ricercatori della Pohang University of Science and Technology della Corea, questa proteina sembra essere coinvolta in tre processi. Il primo è la formazione e l’accumulo dell’aragonite, poi la secrezione e distribuzione del minerale in un sottile strato all’interno dell’organismo, infine la crescita di questi blocchetti, chiamati tavolette di aragonite.

La formazione della madreperla

La madreperla viene creata nel momento in cui un piccolo frammento estraneo si intromette all’interno della conchiglia. Essa viene creata dal mollusco come autodifesa, l’intruso e l’interno della conchiglia vengono completamente avvolti e, alla fine del processo, gli strati del biominerale creeranno la vera e propria perla.

La lavorazione della madreperla

Questa gemma organica viene classificata in base ad alcune caratteristiche come la provenienza, la grandezza, lo spessore delle conchiglie e il colore.

Il fattore che determina tutti gli altri è sicuramente l’area geografica di provenienza, le zone di produzione di perla e madreperla sono quella di Tahiti, dell’Australia e degli Stati Uniti. I molluschi australiani sono noti con il nome paua e producono una madreperla con sfumature verdi, blu e gialle. La madreperla più pregiata per spessore e dimensioni si ottiene in genere dalle conchiglie provenienti dai mari tropicali. La lavorazione è molto lunga e difficile a causa della fragilità del materiale. Per iniziare si rimuove la crosta esterna dalle conchiglie, questa viene poi tagliata in pezzi e lavorata sia con ruote a smeriglio che con il tornio. In seguito si procede con altre lavorazioni come la trafilatura, la profilatura o l’incisione in base all’oggetto da produrre, concludendo con la pulitura.

Gli oggetti in madreperla sono ancora oggi molto comuni e ricercati grazie alla colorazione unica e alla bellezza e classe che da sempre contraddistingue il biominerale.

I diversi tipi di lavorazione delle pietre preziose

Le pietre in natura non sono lucenti e perfette come quelle che vengono esposte nelle gioiellerie, anzi sono più opache e dalla forma irregolare. Una volta estratte queste gemme vengono sottoposte a diverse lavorazioni che ne migliorano l’aspetto.

READ MORE

La differenza tra le perle di mare e di fiume

Le perle sono diventate oggetto molto comune e probabilmente ogni donna ha un accessorio di questo tipo nel suo portagioie. È un classico intramontabile reso famoso dal film Colazione da Tiffany e dalla meravigliosa interpretazione di Audrey Hepburn. Ma come nascono le perle? Di seguito la risposta.

READ MORE

L’Egitto e le sue pietre portafortuna

Fin dall’antichità le pietre, in particolare quelle usate per amuleti e talismani utilizzati per proteggersi dalla sfortuna e attirare le energie positive, hanno sempre generato una certa curiosità. Uno dei popoli che più ammiravano questi elementi era quello egizio.READ MORE